• info@activealbania.com
  • +355675000097
  • IMPEGNO DI RIMBORSO COVID-19. Ulteriori informazioni sulla nostra maggiore flessibilità
  • Qui.
Contenuti mostrare

Com'è essere il fotografo naturalista - Arian Mavriqi

* Questo articolo è stato reso possibile dal supporto di USAID, Progetto per lo sviluppo economico, la governance e la crescita delle imprese

Arian Mavriqi è uno dei più famosi fotografi ed esploratori di
natura e fauna in Kosovo e nella regione. È giornalista in TV in
Kosovo, RTK, che dirige il programma “Wildlife with Arian Mavriqi”. Nel
a seguito dell'intervista, Arian condivide le sue esperienze e consigli:

Facebook
Pinterest
LinkedIn
Quando hai capito per la prima volta di voler diventare un fotografo e come hai seguito il tuo sogno?

Ho lavorato circa sei anni come giornalista. Subito dopo la guerra, in una stazione radio finanziata dalla KFOR americana qui in Kosovo. 

Poi sono passato a un'organizzazione non governativa tedesca che aveva come obiettivo il miglioramento dei rapporti internazionali tra albanesi, serbi e ... Quel progetto si è concluso nell'aprile 2013. Tutto è stato chiuso perché non c'erano più problemi, organizzazioni come quella Ho lavorato, trovando inutile rimanere di più in Kosovo, perché i problemi sono stati risolti quindi sono stati collocati in altri paesi dove si sono verificati i problemi, come Iraq, Afghanistan, Sudan ecc. 

Questa era la missione dell'organizzazione. Ero senza lavoro. Che sono tornato alla mia passione, una volta che l'ho amata, come guardare la natura, camminare nella natura. Ad essere sincero quando ero bambino a scuola cercavo la fine della giornata di lezione per poter andare nella natura per cercare e trovare la cosa più interessante della natura. Volevo documentare tutto ma purtroppo all'inizio non avevo i mezzi tecnici per scattare foto.

 Ho iniziato con un telefono cellulare Samsung Galaxy S4 e ho fatto alcune immagini "macro" per mostrare alcuni dettagli di fiori, insetti, qualsiasi ritratto. Ho capito quanto mi mancava fare foto. Ho investito in questa direzione. Per prima cosa ho comprato una macchina fotografica. Il mio più grande desiderio è fare riprese agli uccelli migratori.

 Ma potrei documentarli solo con un obiettivo della fotocamera più lungo. L'ho comprato e ho iniziato a pubblicare sui social foto soprattutto di uccelli. Lì ho capito che la nostra gente qui in Kosovo non ha nemmeno idea della presenza di questi uccelli nella nostra terra. Come forse saprai, diversamente dall'Albania, noi in Kosovo siamo stati in guerra. Dal 1999, sulla nostra liberazione, i governi, gli elenchi, le persone avevano altre preoccupazioni. 

Hanno affrontato l'inizio di una nuova vita, creando nuove istituzioni. Forse non hanno avuto abbastanza tempo per occuparsi di documentare la fauna in Kosovo. Quando ho capito che non c'erano informazioni o solo poche, ho iniziato a riflettere soprattutto sulla presenza di questo tipo di uccelli. Le persone mi sostenevano incondizionatamente. Erano stupiti di come questi tipi fossero presenti in Kosovo e nessuno lo sapeva prima. Ho insistito spiegando che forse non lo sapevi ma non significa che non fossero stati qui. È mancata l'iniziativa di qualcuno per portare il filmato.

 Sai Blerina che dicono che una foto significa mille parole. È totalmente diverso quando vedi una creatura nella foto da quando qualcuno te lo spiega per giorni a parole. È così che ho iniziato. Ho continuato. Ho avuto supporto. Dopo c'erano altri amici che si sono uniti a me. Ed eccoci qui oggi con una grande organizzazione chiamata Wild Life Albanian Photographers.

 Arian Mavriqi

Cosa ti ispira verso la fotografia naturalistica? Perché hai deciso in particolare di essere un fotografo di animali selvaggi?

La comunicazione con queste creature attraverso la fotografia mi ha ispirato, perché hanno una vita molto interessante. 

Attraverso la fotografia raccontiamo molto, il modo in cui vengono nutriti, il tempo di nidificazione, i loro colori e come appaiono quando guardi da vicino, come vivono. È strano il ciclo di vita che hanno uccelli e animali ma soprattutto uccelli, perché per lo più spariamo agli uccelli. 

Credimi che le persone hanno le informazioni minime su come è la vita di un uccello dalla schiusa delle uova fino a quando non vola. Supera molte sfide. Non è solo come uscire e volare. È molto strano come sia stato realizzato questo processo. Immagina che la madre entri per centinaia di volte nel nido per portare cibo, insetti ai suoi cinque uccelli. 

Ti chiedi dove prende il cibo. Oppure ti ispiri da quel momento che non potevi credere possa accadere. Ad esempio la cicogna bianca lancia la cicogna più debole che si schiude dall'uovo. Guardando questo sei terrorizzato. Pensi come sia possibile? Ma questa è la loro vita e questi sono i segreti che tengono con sé. Molte altre cose. Così abbiamo fatto per la prima volta una ripresa video dell'aquila Buteo che nutre i suoi piccoli. È stata un'esclusiva in tutte le terre albanesi.

Ciconia Nigra, Gjilan, Kosovo - Foto di Arian Mavriqi

Quali sono le difficoltà che un fotografo naturalista deve affrontare regolarmente?

Purtroppo dobbiamo affrontare molte difficoltà. Non abbiamo un grande sostegno istituzionale. Tutti gli shooting che facciamo li abbiamo realizzati con i nostri mezzi che abbiamo a disposizione come macchina fotografica, go pro che sono un bene privato di ognuno di noi. 

Non è facile perché in realtà riprese come queste i nostri colleghi del National Geographic fanno in modo più semplice, con macchine fotografiche migliori. Non hanno bisogno di rischiare la vita come succede con noi. Abbiamo scalato una quercia di 25 m oppure siamo andati su delle colline pericolose per andare a montare le telecamere. Poi sparò al serpente più velenoso d'Europa che era Vipera Ammodytes ha i suoi rischi. 

Quindi non abbiamo le giuste condizioni, dal momento che non siamo finanziati da qualcuno. Non ci sono posti dove possiamo dormire, perché a volte non puoi catturare la fotografia se non aspetti 2-3 giorni. Non abbiamo macchine per andare su terreni difficili. Usiamo le nostre auto. Molte altre sfide e problemi che affrontiamo normalmente. Ci auguriamo che le nostre istituzioni siano consapevoli di sé e comprendano che un fotografo di vita selvaggia ha bisogno di un supporto almeno con mezzi tecnici, più sofisticati in modo da poter essere un passo avanti nel tempo.

Non abbiamo mai chiesto soldi o bonus. Abbiamo solo chiesto strumenti tecnici per la fotografia. Con questa passione che abbiamo, possiamo fornire filmati inediti come nel primo documentario realizzato nelle terre albanesi.

Gufi della foresta - Foto di Arian Mavriqi

In realtà è stato un documentario straordinario, che ci ha sorpreso ogni secondo. Il tempo volava mentre lo guardavo. Sono stati più di 40 minuti ma sembrava un po 'a causa dei filmati impressionanti. Qual è la tua foto preferita. Puoi condividere con noi la storia che c'è dietro?

Era lo scatto della foto di Pandion Haliaetus, l'aquila di cui parlavo prima perché non è stata identificata nei dati governativi. Nel momento in cui ho scattato la foto nel lago di Badovci, a Pristina, non sapevo di che creatura si trattasse. L'ho pubblicato su Internet. In realtà Blerina non siamo ornitologi, non riconosciamo al 100% gli uccelli, anche se siamo ben informati e sappiamo di essere abbastanza bravi con le denominazioni. Un mio collega, Fatos Lajçi di Peja, commenta e mi dice che la creatura a cui ho sparato non è mai stata identificata nei dati governativi. È un'esclusiva per il Kosovo, dal momento che attualmente in Albania esiste. È un passante, nidifica in Kosovo e purtroppo nemmeno in Albania. Immagina la fortuna di essere lì al momento giusto, di catturare una creatura prima sconosciuta. Ero così felice. Ho condiviso quelle foto con tutti gli appassionati di natura su Facebook. Poi molti portali, tv sono venuti per avere le mie interviste per parlare di questo. Quindi questa è la mia fotografia preferita fino ad ora. Non posso dire cosa accadrà in futuro.

Fauna selvatica a Kamenica, Kosovo - Foto di Arian Mavriqi

Le epiche montagne del Kosovo, immaginiamo, nascondono una fauna selvatica. Qual è il tuo animale preferito?
La creatura più a rischio di estinzione nelle terre albanesi è la lince, come forse saprai. Ma non è il mio preferito. Sogno e amo sparare al lupo. È uno degli animali che ha una straordinaria strategia di vita, di caccia. Se guardi alcuni documentari su questo animale impari molto sulle loro vite. Soprattutto come organizzano la vita all'interno della comunità. L'apparenza per me è qualcosa di speciale. Ammetto di non aver ancora girato così bene come mi piacerebbe. Ne ho fatto una fotografia una volta, di bassa qualità, due anni fa nella città di Kamenica dove vivo. Una volta è successa una cosa strana se posso chiamarla così. Una persona era solita guardare spesso un lupo che entrava in città. La gente lo vede tutti i giorni. principalmente di notte. È successo che una mattina ero lì per girare qualcos'altro. Ho scattato la foto, ma non correttamente. Quindi, non posso chiamarla una delle mie tipiche fotografie. Quando pubblico qualcosa, voglio che sia della migliore qualità. Cerco sempre il meglio da me stesso. Sicuramente è il lupo.

Vipera ammodytes - Foto di Arian Mavriqi

Abbiamo seguito il tuo profilo sui social ma anche i fantastici video su youtube. Sappiamo che sei un perfezionista. Hai qualche consiglio per tutti i giovani che vogliono diventare fotografi di vita selvaggia?

Voglio menzionare qualcos'altro che mi sono dimenticato di dire, se mi permetti Blerina. Nelle mie riprese con telecamere trap ci sono 5 lupi. Per nostra sorpresa uno di loro è bianco. Ancora oggi non riusciamo a capire perché il lupo bianco si trovi in mezzo a loro. Ho comunicato con persone che hanno conoscenze al riguardo e questo è stato speciale. Sul mio canale youtube puoi trovare quel video. Rimarrai stupito dalla vista. Purtroppo è fatto di notte. Ma puoi vedere questo video molto speciale su come i lupi cercano per la prima volta fornito da un albanese.

Scoiattolo a Kamenica, Kosovo - Foto di Arian Mavriqi

Quali consigli hai per i giovani che magari aspirano a diventare fotografi di vita selvaggia?

Innanzitutto dovresti amare la fauna e capire l'importanza della biodiversità. Altrimenti non andare solo con lo scopo di fare una foto, ma con l'idea di diventare un fotografo naturalista perché è di fantasia.

 Devi amare la fauna, altrimenti puoi causare molti danni. Ad esempio potresti mettere una macchina fotografica vicino a un nido e fare in modo che la madre se ne vada per sempre da lì e non torni mai più. Oppure potresti andare su un terreno dove puoi disturbare uccelli, animali diversi e puoi fare più danni che creare valore. 

 Dovresti essere consapevole che se vuoi fare un tipo di fotografia del National Geographic dovresti passare molte ore nella natura, in inverno, in mezzo al freddo, sotto la pioggia, nella neve. Non è che l'animale verrà nel tuo giardino per dire "eccomi, prendimi". No, dovresti sempre seguirli, cercarli. Non è facile, ma non mollare mai.

 Comunica con altri fotografi che hanno più esperienza, ottieni informazioni, consigli. Aiuteranno molto. Purtroppo non abbiamo avuto queste opportunità. Prima non esistevano fotografi del genere. Ma ora, se entri nel nostro gruppo Wild Life Albanian Photographers ti rendi conto che ci sono molti fotografi che condividono consigli. Nel programma della nostra organizzazione, poiché ora siamo un'organizzazione registrata comune Albania - Kosovo, che ha sede nella città di Kamenica, abbiamo avuto 20 serie di video. 

Sono stati invitati 20 fotografi diversi, di stili diversi, che hanno condiviso le loro versioni e aiutano a fare una foto. È una fantastica opportunità per conoscere la fotografia. Siamo sempre a disposizione a 200% per dare informazioni in ogni momento che chiedi su una creatura, senza alcuna esitazione. Non vogliamo tenerlo solo per noi stessi, ma vogliamo condividerlo con tutti coloro che vogliono essere coinvolti con la fotografia.

Lago Radoniqi, Gjakova, Kosovo - Foto di Arian Mavriqi

Cosa ami di più del tuo lavoro di fotografo naturalista?

Mi piace di più quando dopo aver aspettato per diverse ore ottengo i risultati. È un tale piacere perché molte volte capita di essere disperati senza risultati. Purtroppo ho avuto una tale disperazione anche oggi, ma non ci ferma mai. Eravamo in un terreno dove volevamo sparare a un uccello chiamato Upupa Epops - Pupëza.

 È una sposa che ha tante caratteristiche, a cominciare dal suo bellissimo aspetto. È l'uccello migratore più bello d'Europa. Un pensiero molto particolare di questo uccello è che è menzionato anche nel libro sacro del Corano, il che ci rende ancora più curiosi di saperne di più su questo uccello. 

Siamo stati lì per monitorare in alcuni punti dove abbiamo dubbi che ci fossero questi uccelli e poi per fare qualche filmato ma non abbiamo avuto la fortuna di trovarli, anche se abbiamo ancora dei dubbi. Abbiamo un filmato realizzato due anni fa in Kosovo, anche questa è un'esclusiva in tutti i territori albanesi, ma la posizione del nido era la migliore possibile. Quindi non ci fermiamo con questo. Vogliamo portarlo con una qualità superiore. Così le persone possono guardare le vere viste spettacolari di un paio di Upupa Epops mentre danno da mangiare ai loro uccelli.

Upupa Epops - Foto di Arian Mavriqi

Quindi la curiosità e la passione costruiscono anche la pazienza ?!

Sempre. Non puoi fare nulla senza pazienza in questo tipo di fotografia.

Qual è il posto più preferito al mondo che ti piacerebbe visitare o che hai visitato per fotografare la fauna selvatica?

Ho visitato una città in Europa dove ho visto che ci sono opportunità per la fotografia di animali selvatici e che mi piacerebbe visitare di nuovo, a causa di alcune creature molto carine che hanno, soprattutto dei predatori, è Londra. È un posto dell'ovest che ho amato moltissimo. Mi piacerebbe tornarci. Come una grande città europea è molto diversa dalla nostra.  

Ad esempio puoi trovare la volpe ovunque in città. In mezzo alle persone puoi scattare splendide fotografie. Ma anche alcuni predatori sono abbastanza bravi. Mi piacerebbe tornare di nuovo. Sono andato allo scopo di una mostra fotografica che abbiamo presentato come Wild Life Albanian Photographers. Ci sono andato con mia moglie. Abbiamo passato dei bei momenti.

Certo che il mio sogno è quello di visitare un tempo il posto più amato al mondo dagli animali selvatici, che non si vede dappertutto, nel nostro territorio albanese. Voglio fare un safari e guardare gli animali selvatici come leoni, giraffe o elefanti e molte altre creature che non ho visto. Spero che un giorno saremo lì. Abbiamo cercato di trovare il modo migliore possibile per un gruppo di fotografi del Kosovo e dell'Albania per andarci. Ma sfortunatamente Blerina è molto costosa. Non è qualcosa che puoi raggiungere facilmente.  

Al momento la tariffa non è conveniente per noi. Ci prenderemo cura delle opportunità se un'organizzazione finanzierà il nostro viaggio. Forse le nostre istituzioni. Non lo so. Sarebbe un piacere che anche i fotografi albanesi potessero portare foto da quei luoghi selvaggi. C'è l'opportunità di scattare fotografie che puoi realizzare una volta nella vita.

Pellicano riccio - Foto di Arian Mavriqi

Sono abbastanza sicuro che succederà presto, perché la passione e il lavoro instancabile possono aprire tutte le porte. Potrebbe essere un po 'tardi, dato che tutti noi abbiamo esperienze del genere nelle nostre attività, ma comunque credo che ci saranno molte persone o organizzazioni che sarebbero pronte non appena la situazione tornerà alla normalità, per creare la possibilità che anche I fotografi albanesi lasciano la loro traccia nella fotografia della fauna selvatica del mondo. E il territorio albanese? Qual è il tuo posto preferito per scattare fotografie?

Ho visitato molti posti ma ad essere sincero quello che più mi tocca il cuore è Divjaka Karavasta in Albania. Lì ho amici meravigliosi, persone che apprezzo molto con tutto il cuore. Alketa dhe Altin sono una coppia che vive a Divjaka e ci aiuta sempre. Un grandissimo rispetto merita il direttore del parco Ardian che ci aiuta molto.

 Ci sono molte altre persone che ci aiutano per le denominazioni, per trovare queste destinazioni, per catturarle. Dico grazie con tutto il mio spirito e il mio cuore all'onorevole professor Taulant Bino, a Erald, a Mirian ea molti altri che non vedono l'ora che siamo lì. Quindi possiamo andare insieme e visitare quei luoghi. 

Nel frattempo in Kosovo amo con tutto il cuore il luogo in cui sono nato e cresciuto, la città di Kamenica dove vivo. Ha una fauna molto buona. Dovrebbe essere migliore, ma con la consapevolezza della popolazione le cose stanno andando meglio. Spero che un giorno, ovviamente, non possiamo fare Kamenica come Divjake, è un dono di Dio per Madre Albania, come diciamo in Kosovo. Anche la laguna di Narta è un miracolo, la valle di Patok, il lago di Scutari e così via. Non siamo affatto male Blerina, ma abbiamo bisogno di aiuto, una collaborazione tra noi albanesi in generale.

Gabbiani a Divjake, Albania - Foto di Arian Mavriqi

Sai l'Albania, il Kosovo, i territori albanesi da un angolo diverso, che non molte persone hanno la fortuna o la curiosità di scoprire in questo modo. Cosa consiglieresti a un viaggiatore internazionale che vuole visitare i nostri paesi?

Per prima cosa chiederei ai nostri paesi di stare più attenti all'approccio che fanno ai turisti. Dovrebbero fornire condizioni migliori in modo che quando verranno qui sapranno dove andare. Ogni turista straniero prima di tutto dovrei dire che hai di fronte a te una nazione che ha il cuore più grande della Terra e molto gentile.

 Persone che non si approfitteranno mai di te, o abusando in modo vergognoso. Non succederà mai. Ho esperienza con i turisti dalla Russia. Ero sulla spiaggia di Dhermi. Una delle spiagge che amo di più in questo globo, lo ammetto. Per amor di verità, prima di partire per l'Albania, hanno ricevuto messaggi di cui essere consapevoli perché stanno andando in un posto dove non saranno accolti e abuseranno dei prezzi con diverse frodi. Ma il turista mi ha detto “ho trovato un posto migliore della mia casa e della mia famiglia” e in realtà è rimasto stupito anche dall'ospitalità che gli ho offerto.

 Ha visitato l'Albania con sua moglie ei suoi due figli e mi ha detto che sarei mai andato in qualche altro posto. Come forse saprai i prezzi sono molto buoni. Lo stesso che in Kosovo, come in Albania. Non c'è differenza. Con questo comportamento attiriamo turisti dall'estero. Possono venire qui e trovare una nazione che la sua più alta virtù è l'ospitalità e il rispetto degli ospiti, in questo caso verso i turisti. 

Ci sono buone opportunità per visitare i nostri tesori naturali, che varrebbero miliardi di miliardi come l'esempio della laguna di Karavasta, i nostri laghi, le nostre foreste, le nostre montagne. Abbiamo pensioni speciali pronte ad accogliere i turisti. Abbiamo molti fiumi che hai menzionato prima da esplorare in kayak o qualcos'altro o semplicemente per visitare la città, per assistere a un miracolo creato da Dio. Abbiamo grandi opportunità per il birdwatching in questi laghi, zone umide, lagune. Abbiamo il cibo più fantastico del mondo. Abbiamo tutto. Così possono sentirsi al sicuro e venire perché sono nella loro casa e troveranno ospitalità e persone cordiali.

Foto di Arian Mavriqi

È vero Arian. Voglio portare un'antica frase albanese "La casa degli albanesi appartiene a Dio e all'ospite".

Vorrei ringraziarti per avermi dato l'opportunità di ascoltare una delle più belle interviste. Ti mando sinceri saluti e non vediamo l'ora di vedere il documentario ma anche le foto che condividi quotidianamente su facebook. Spero di rivedervi presto nella prossima esplorazione sulla natura, non virtualmente.

 

Grazie. È sempre un grande piacere.

Arian Mavriqi con la sua famiglia

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza.