• info@activealbania.com
  • +355675000097
  • IMPEGNO DI RIMBORSO COVID-19. Ulteriori informazioni sulla nostra maggiore flessibilità
  • Qui.

AGISCI: Unisciti alla chiamata globale per proteggere i fiumi durante la pandemia!

Today’s crisis exposes the critical need to ensure freshwater and communities that depend on it are resilient, respected, and climate-prepared. It’s time to invest in a just energy transition to renewables that do not harm our precious water sources. Firmare for the future of our freshwater in a post-COVID world.

In tutto il mondo, la costruzione di grandi dighe è rallentata a causa delle misure di blocco legate alla pandemia e delle relative ricadute economiche. Big Hydro ha anche recentemente riconosciuto un calo della "fiducia in merito a investimenti e operazioni futuri". Progetti con costi umani ed ecologici sbalorditivi, precedentemente visti come inevitabili, vengono ora messi in discussione da comunità, nazioni e intere regioni.

Questa è la buona notizia.

Tuttavia, nonostante le crescenti incertezze economiche sulla costruzione di dighe e il blocco globale, i nuovi progetti sono ancora in corso. Iscriviti per chiedere l'interruzione della costruzione di una nuova diga durante la pandemia e per garantire il futuro della nostra acqua dolce.

Un'altra diga è stata recentemente proposta per il Lower Mekong Mainstream, nonostante la Thailandia non utilizzi l'energia generata. Il Sud Africa ha ribadito il suo impegno a realizzare il megaprogetto Inga 3 sul fiume Congo, anche con il prezzo scioccante di $18 miliardi della diga e la crescente crisi del debito del paese. Nell'Amazzonia brasiliana, il governo di Bolsonaro sta tentando di procedere con la costruzione della diga di Castanheira sul fiume Arinos, un progetto enormemente costoso che produrrebbe solo 140 MW di elettricità, provocando conseguenze disastrose per la biodiversità ittica e il sostentamento delle popolazioni indigene.

Il mondo non può permettersi che questi progetti "business as usual" procedano.

Progetti come questi rappresentano minacce estreme per la biodiversità, la nostra capacità di rallentare la crisi climatica e la vita e il sostentamento di centinaia di milioni di persone. E questo per non parlare del debito che le grandi dighe impongono ai paesi a basso reddito, mentre non riescono ad affrontare la povertà energetica e altre disuguaglianze che promettono di alleviare. Per offrire solo un esempio straziante di ciò che sembra: due anni fa oltre 6.500 popolazioni rurali e indigene furono sfollate e dozzine di persone uccise quando crollò una diga in Laos. Sebbene la società non abbia ancora compensato adeguatamente i sopravvissuti - che rimangono in condizioni difficili con alloggi temporanei, strutture povere e terra e mezzi di sussistenza persi - sviluppatori e investitori sono comunque andati avanti nel completamento della costruzione. Di conseguenza, questi interessi aziendali anticipano grandi profitti.

Ma Big Hydro non si dimette. In una recente dichiarazione dell'International Hydropower Association, le più grandi società di energia idroelettrica del mondo chiedono ai governi di "approvare rapidamente la pianificazione" per garantire che la nuova costruzione possa iniziare il prima possibile. L'industria sta anche lavorando per assicurarsi che le grandi dighe siano viste e sottoscritte come essenziali per la ripresa. E sta lavorando per lanciare progetti ecologicamente devastanti come rinnovabili e centrali per una transizione verso l'energia pulita.

Lungi dal cercare una tecnologia antiquata e ad alta intensità di gas serra per accelerare una transizione giusta, dovremmo fare il punto sulle dighe che vengono proposte ... il finanziamento che è stato impegnato ... e la reale necessità di grandi dighe nel complesso.

C'è una ragione per cui il settore idroelettrico era in declino e le vere energie rinnovabili come l'eolico e il solare stavano crescendo molto prima della pandemia. Il rapporto costi-benefici di finanziare grandi progetti idroelettrici per soddisfare le esigenze energetiche globali è sempre più insostenibile. Le dighe sono in fase di smantellamento dal Klamath al Danubio. A marzo, il governo cambogiano ha posto una moratoria per dieci anni sulle nuove dighe nel mainstream del Mekong, aumentando gli investimenti nel suo potenziale per energie rinnovabili più giuste e resilienti.

Ecco perché chiediamo a governi, sviluppatori e finanziatori di sostenere una moratoria sulle nuove dighe e di dare la priorità allo sviluppo energetico che rispetti la salute degli ecosistemi fluviali, i diritti della comunità e la giustizia energetica.

Iscriviti qui per unirti a noi in questa chiamata.

Posta un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza.